Epilatori a luce pulsata, pro e contro

  • 2 Ottobre 2020

Il metodo epilatorio a luce pulsata è particolarmente efficace per liberarsi dei peli superflui ed agisce in modo deciso ed efficace nella rimozione di peli scuri che contrastano con la pelle chiara. I vantaggi di un epilatore a luce pulsata è che rimuove in modo permanente nel tempo i peli superflui, efficace come pochi, se si eccettua il laser. C’è inoltre da considerare che questo metodo è pressoché indolore, niente a che vedere con lo strap della ceretta o altri metodi più invasivi. Rispetto all’epilazione laser il metodo IPL (Intense Pulsed Light) è più incisivo ed ha il vantaggio di essere anche più economico. Se si decide di farlo a casa con cicli di epilazione a luce pulsata ‘fai da te’ si dovrà tener conto soltanto dell’investimento iniziale nell’acquisto dell’apparecchio salvando, di fatto, le risorse destinate ai trattamenti professionali affidate a mani esperte.

Oggi, comunque, l’epilatore a luce pulsata non è più un corpo estraneo o un extraterrestre, ma uno strumento che per quanto possa essere complesso e tecnologico è ormai alla portata di tutto, anche di chi vuole epilarsi in modalità ‘fai da te’. Oltre ai vantaggi, vanno però ravvisate anche delle criticità. Ad esempio, bisogna riconoscere che questi apparecchi epilatori che funzionano a luce pulsata non sono particolarmente efficaci su pelli più scure della media dove i peli superflui tendono a perdersi e mimetizzarsi, ma non si ottengono risultati apprezzabili nemmeno in presenza di peli biondi, rossi o grigio-bianchi. Seppur in rari casi, inoltre, il trattamento con luce pulsata può provocare infiammazioni o arrossamenti cutanei, se poi si opta per sedute dall’estetista, si potrebbe verificare un alleggerimento sostanzioso del portafogli.

Ma quanto deve durare il ciclo di IPL per i risultati voluti? Non c’è una regola uguale per tutti, in quanto il tempo necessario all’eliminazione dei peli superflui dipende dal tipo di pelo e dai tempi di ricrescita, che varia da persona a persona. In genere, i trattamenti durano poche settimane, poi via via che la ricrescita dirada si può allungare l’intervallo fra una sessione epilatoria e l’altra. Terminati i cicli standard da 6 a 12 sedute, si cominciano a vedere risultati tangibili e un vistoso diradamento dei peli sul corpo, dopodiché basterà sottoporsi a più rari cicli di mantenimento periodici.