07/12/2014
IL DOPO PARTITA DI COACH FINELLI

Le parole di Alessandro Finelli in conferenza stampa.

“Il primo pensiero va ai miei giocatori. Non eravamo al 100%, Frassineti è stato straordinario perché venerdì s’è bloccato con la schiena e sabato forse non avrebbe dovuto giocare ma ha stretto i denti ed è stato in campo. Ad un certo punto volevo toglierlo ma lui ha chiesto di rimanere perché voleva giocare, mettendo a rischio la propria integrità fisica. Questo vale anche per gli altri: Saccaggi e Bruttini hanno passato una settimana travagliata ma sappiamo che siamo tutti indispensabili e se manca uno siamo impresentabili. Grazie a Carraretto, il più anziano ma anche il più integro, un professionista che servirebbe a qualsiasi squadra. Brighi mi spiace che sia stato infortunato a lungo perché ha qualità e ha perso opportunità di giocare minuti importanti e ha bisogno di un’opportunità. Grazie a tutti perché con tre settimane così non era facile e hanno fatto passo indietro di condizione. Il secondo pensiero è per il pubblico: per la loro competenza nel riconoscere che gli italiani stanno dando tutto quello che hanno ed è stato molto bello sentire il sostegno. Hanno riconosciuto il fatto che stiamo dando tutti il nostro meglio. Forlì merita la pallacanestro che possa competere con chiunque in maniera regolare. Il terzo pensiero allo staff che nelle difficoltà sta dando tutto per supportare i giocatori anche facendo sacrifici. Grazie a Lino, che ci mette sempre la faccia, oltre a Solfrizzi e Nowak. Grazie al medico Moschini e la fisioterapista Bucci e a Strocchi che ci seguono sempre. Aspettiamo che la situazione possa evolversi in maniera utile in modo da evitare di falsare il campionato. Bisogna permettere gruppo di allenarsi e magari reintegrare Becirovic e Zizic e cercare un’altra guardia americana: sperando che tutto accada nel brevissimo periodo e ognuno di noi sogna questo. C’è anche rabbia per non poter fare di più, qua c’è passione per il gioco e sarebbe bello affiancarla ad altri valori etici: speriamo che si riparta per tornare ad unire la passione a un gruppo meraviglioso che vive di pallacanestro".